Yuria Type 100: l’erotismo nipponico e la censura!

Yuria Type 100, l’incarnazione delle fantasie maschili!
Con il sesto volume entra in scena una spudoratissima Lucy
Il prototipo americano davvero piccante!bianca

 

Yuria_06_JACKETLa bambola sessuale umanoide multifunzione Yuria Type 100 si ritrova a confrontarsi con Lucy, un prototipo americano decisamente più “spudorato” dei corrispettivi giapponesi; ne scaturisce un confronto eccitante e divertente allo stesso tempo.

Tra censura ed erotismo: le contraddizioni del Giappone!

Emerge dirompente l’ironia critica dell’autore Shigemitsu Harada nei confronti della cultura americana, lasciva e priva di censure. E’ noto, infatti, che in Giappone vi siano leggi severe che disciplinano anche la fruizione dei filmati pornografici.

Eppure, gli incassi annuali della pornografia sono di circa 70.000.000.000 di dollari tra Giappone, Cina e Corea del Sud, un totale che costituisce il 75% delle vendite dell’industria mondiale. Davvero bizzarro, se si considera che il Giappone è tra gli ultimi paesi in classifica sui rapporti sessuali. Secondo Wikipedia, un sondaggio condotta da Durex, industria leader nel campo della produzione di preservativi, dimostra che:”i giapponesi hanno la media mondiale più bassa di rapporti sessuali, 45 volte all’anno, contro una media generale di 103 volte. Lo stesso sondaggio ha inoltre riportato che solamente il 24% degli intervistati di origine giapponese ha dichiarato d’esser pienamente soddisfatto della propria vita sessuale, rispetto ad una media globale del 44%. Anche un’indagine svolta da ‘Japan Family Planning’ descrive nei suoi risultati una tendenza del tutto simile”. Dunque, in Giappone, se da una parte si consuma pornografia, dall’altro ci si astiene dai rapporti sessuali, mentre in ogni caso per pudicizia tutto viene accuratamente censurato. Contraddizione o cultura? Per rispondere a questa domanda, bisogna focalizzarsi su un concetto asiatico che diverge notevolmente da quello occidentale, ossia la percezione dell’erotismo. Facciamo un esempio concreto: molto spesso, sia nei film porno che nei manga Hentai l’atto sessuale è rimandato  all’estremo, spesso relegato negli ultimi minuti di pellicola o ultime pagine del manga. Ciò che eccita non è il sesso in se, ma l’attesa dell’atto sessuale. In questo senso riusciamo a capire che il ‘pixellaggio’ delle parti intime, non è un problema per i giapponesi, anzi è percepito come ulteriore spunto alle fantasie erotiche. Insomma il sesso non è poi così importante. Per quanto riguarda l’astinenza dal sesso coniugale, c’è da dire che è insita nella cultura giapponese la pratica della prostituzione perché sin dai tempi antichi l’uomo sposava una donna per costruire una famiglia onorevole e nel frattempo si concedeva al piacere delle cortigiane. È bene sottolineare che esiste una forte condanna  della cultura giapponese nei confronti del ruolo della donna, considerata decisamente inferiore rispetto all’uomo, infatti sono tematiche frequenti nella pornografia sia lo stupro che il bukkake (pratica sessuale che prevede l’eiaculazione di molti uomini sul corpo di un’unica donna). Secondo una leggenda: “nell’antico Giappone, le donne che venivano colte in flagrante adulterio venivano pubblicamente umiliate nel centro della città. Esse venivano immobilizzate e tutti gli uomini della città che passavano di lì potevano eiaculare su di loro (bukkake) per mostrare il loro disgusto”.

Yuria Type 100

Il manga, nato dalla mente dell’autore di ‘Le mie Palle’, Shigemitsu Harada, e disegnato da Nobuto Hagio, è una divertentissima commedia erotica. E’ la storia di Yuria Type 100, una dutch wife ultra realistica, in tutto e per tutto simile ad una vera donna. Ad inventarla è il Dottor Akiba, che non potrà esserne il padrone, senza prima averla posseduta fisicamente. Per evitare di essere ridotta in schiava dal Dott. Akiba, Yuria Type 100 fugge per rifugiarsi nell’appartamento di Shunsuke, un ragazzo incontrato per puro caso.  Yuria Type 100, inaspettatamente, si scopre infatuata del ragazzo. Shunsuke però rifiuta l’amore della bambola per rimanere fedele alla sua fidanzata Maria. Riuscirà Yuria Type 100 a conquistare Shunsuke?! Yuria è così verosimile che nessuno può credere che si tratti di una bambola: sarà questo il nostro futuro?biancacarrello

 

 

Post a Comment