Anatomia Cinica vol.2: La mia vagina asociale

 

 

 

 

Tra incandescenti valli fumose, impervie cascate di ghiaccio e asfissianti immersioni idromassaggianti, Vagina affronta un emblematico viaggio introspettivo alla ricerca della fonte della sua asocialità, penetrando a fondo nel proprio animo e ripercorrendo le tappe più irriverenti e festaiole della sua infanzia fino a quelle più penose dell’adolescenza, con la sua immancabile ironia e il suo inconfondibile cinismo. Riuscirà a cavare il ragnetto dal buco?

 

Il secondo volume della collana più cinica del momento vede come protagonista assoluto uno dei personaggi più amati della cricca di organi di Felinia: Vagina!

È uno dei più amati perché forse caratterialmente è quella che assomiglia più alla stessa Felinia. Lo so, dicevamo che era Stomaco a rappresentarla meglio, ma lui rappresenta la sua natura, il suo modo di essere, la sua ragione di esistere! Vagina invece rappresenta il suo modo di porsi in relazione agli altri, il suo modo di agire e di parlare, il suo essere sfigata, in qualche modo. Insomma, non devo certo giustificarmi su quale organo somigli di più al suo umano, se sono i suoi organi devono per forza assomigliarle tutti un po’, no?

A ogni modo con questo volume stiamo correndo un bel rischio, ne siamo assolutamente consapevoli, ma forse è nella nostra natura di autori “disagiati” il volerci mettere in difficoltà da soli. Già siamo additati come autori di webcomic, che nel gergo settoriale è un po’ come dire “quelli che sono famosi sul web ma che non fanno veri fumetti”, in più uno degli autori (quella più conosciuta, più presente sui social e anche più appariscente nelle fiere) è una donna, che sempre nel gergo settoriale si traduce in “dovrebbe più che altro fare la colorista o limitarsi a disegnare manga”, in più trattiamo per lo più tematiche che fanno riferimento a un personaggio femminile (Felinia, appunto) che sempre in questo meraviglioso gergo tecnico del settore del fumetto italiano vuol dire “è un fumetto per un pubblico esclusivamente femminile”, ma a noi non bastavano tutte queste discriminanti restrizioni, abbiamo pensato che sarebbe stata cosa buona e giusta andare a rompere i maroni metaforici (e chi ha seguito le presentazione degli organi dalla pagina facebook dell’autrice sa che esistono) a tutte quelle persone che si vestono di buone intenzioni e si truccano con perbenismi assoluti e metterli di fronte a un personaggio che rischia di violentare il loro senso del pudore nel profondo.

AnatomiaCinica02_immagine4Vagina, o organo scabroso come già alcune “testate giornalistiche” hanno ribatezzato in nomine censuram, ci mostrerà il percorso di crescita di una ragazzina che prima di diventare donna e raggiungere una piena consapevolezza di sé e del suo corpo affronta situazioni di forte impatto emotivo, piacevoli scoperte e nuove amicizie che acquisiranno un’inestimabile valore nel corso della sua vita, tutto questo raccontandolo dal proprio punto di vista (dell’organo genitale, appunto) senza cadere in banali e scabrose volgarità che a conti fatti non hanno nulla a che vedere con il nostro metodo di narrazione. A meno che con volgarità non ci si riferisca alla naturale essenza di elementi organici e delle loro funzioni o al linguaggio certamente colorito che da sempre caratterizza (e in qualche modo valorizza) la naturale formula colloquiale di Felinia & Co., in questo caso se volete possiamo essere anche accusati di volgarità.

A ogni modo, a poco più di un mese dall’uscita de “La Dittatura Mangiona” e quindi dall’inizio ufficiale di questa nuova collana umoristica, ci rimettiamo al giudizio dei nostri lettori nella speranza di spingerci un po’ oltre la nostra comfort zone e andare a stuzzicare la curiosità di qualche lettore che magari non ha ancora avuto l’occasione di leggere i nostri lavori o ha sempre dato troppo retta al proprio pregiudizio per rischiare di uscire da una libreria con in mano un nostro fumetto. Probabilmente un fumetto con una Vagina e il suo animaletto da compagnia in copertina potrebbe non essere la scelta più facile per convincere dei nuovi lettori a correre questo rischio, ma noi confidiamo nel vostro coraggio!

 

Anatomia cinica vol.2: La mia vagina asociale

Autori: Sketch & Breakfast
Formato: 17 x 24 cm, Cartonato, 64 pagine, Colore
Genere: Umorismo
Prezzo: 12,00 euro

"...La nostra vagina ha anche dei sentimenti, dei sogni, delle ambizioni! Poi chiaro che ha anche le sue necessità carnali, ma si può parlare anche di quelle senza scadere nell'erotico banale o volgare..."

striscia_carrello

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*